Plus500 does not provide CFD services to residents of the United States. Visit our U.S. website at us.plus500.com.

Cosa influenza il valore dell'argento: fattori economici

Data di modifica: 21/04/2024

Quali fattori determinano il prezzo dell'argento? Se stai valutando l'opzione di fare trading sull'argento, è fondamentale comprendere i fattori che ne influenzano il valore: così facendo, potrai formulare previsioni ponderate sulle possibili oscillazioni del suo prezzo futuro.

Questo articolo di Plus500 tratta nello specifico i fattori che determinano il prezzo dell'argento, a partire dalle dinamiche della domanda e dell'offerta e proseguendo con le forze economiche e di mercato. Alla fine di questo articolo, avrai una migliore comprensione dei principali fattori responsabili degli attuali movimenti dei prezzi dell'argento.

Un'illustrazione dei prezzi dell'argento

Quali fattori determinano il prezzo dell'argento?

L'argento, noto col simbolo "Ag" e il cui numero atomico è 47, è un elemento chimico fondamentale che ha un ruolo preminente nel settore finanziario, sia come materia prima che come bene materiale. Nei mercati finanziari, l'argento è indicato con il simbolo XAG.

L'argento è un metallo prezioso di valore utilizzato per produrre gioielli, oggetti di lusso e beni portatili, oltre a essere una materia prima con diverse applicazioni industriali tra cui elettronica, veicoli elettrici, energia solare e medicina. Per saperne di più su cos'è l'argento, consulta il nostro articolo completo: "Le basi dell'argento per i trader."

I principali fattori che influenzano i prezzi dell'argento possono essere suddivisi in due categorie principali: dinamiche fondamentali della domanda e dell'offerta da una parte, e forze economiche e di mercato dall'altra.

Dinamiche fondamentali della domanda e dell'offerta

In primo luogo, il prezzo dell'argento è determinato dallo squilibrio tra domanda e offerta.

L'offerta di argento deriva soprattutto dalle attività minerarie dedicate e dall'ottenimento di questo materiale come sottoprodotto dell'estrazione di altri metalli. Secondo il Silver Institute, nel 2022 solo il 27% circa dell'argento era stato ottenuto da attività minerarie dedicate (228,2 Moz), mentre il 72% era un sottoprodotto dell'estrazione di altri metalli come piombo/zinco (248,2 Moz), rame (212 Moz) e oro (129,5 Moz).

Nel 2022 la produzione di argento è stata di 822,4 milioni di once, in lievissimo calo dello 0,6% rispetto all'anno precedente, il 2021. Ciò ha fatto seguito a un aumento del 5,8% della produzione di argento nel 2021, a causa della ripresa delle attività estrattive dopo le interruzioni causate dal COVID-19.

Comprendere questi trend produttivi è fondamentale per valutare l'equilibrio tra le dinamiche della domanda e dell'offerta nel mercato dell'argento.

La domanda si riferisce sostanzialmente a chi vuole comprare argento e quanto ne vuole acquisire. Oltre a gioiellieri, altri produttori di beni di lusso e zecche, l'argento è molto richiesto anche per applicazioni industriali. Nel gennaio del 2023 Nicky Shiels, responsabile delle strategie sui metalli della società MKS PAMP, ha dichiarato che la domanda industriale rappresentava quasi la metà della domanda totale di argento. Ciò sottolinea quanto gli usi industriali influenzino la domanda complessiva di argento, insieme a settori come la gioielleria e gli investimenti.

Con l'emergere di nuove tecnologie basate sull'argento, come ad esempio le tecnologie fotovoltaiche (solari), la domanda di argento probabilmente è destinata ad aumentare. Sono tuttavia in fase di sviluppo anche nuove tecnologie che, per alcune applicazioni, sono in grado di sostituire l'argento con leghe più economiche.

In generale, il prezzo dell'argento in futuro sarà determinato principalmente dalla disponibilità di offerta, generata dalle attività minerarie, e dalla domanda da parte dei consumatori. Quando la domanda esercita una pressione o supera l'offerta, solitamente i prezzi dell'argento aumentano. Quando invece la disponibilità è buona e la domanda è relativamente bassa, i prezzi dell'argento di solito calano.

I motivi dell'impennata: perché l'argento è rincarato?

I prezzi dell'argento sono aumentati bruscamente nel 2020, superando i 28 dollari all'oncia troy nell'agosto di quell'anno, a causa della penuria di offerta derivante dall'interruzione delle attività estrattive durante il COVID-19; si era trattato del minimo storico dell'offerta da diversi anni a quella parte. Anche la domanda era diminuita, ma in misura inferiore rispetto all'offerta.

Nel 2021, dopo la pandemia di COVID-19, la domanda di argento è aumentata grazie alla ripresa di matrimoni e altri eventi sociali in diversi Paesi, in particolare l'India, che ha determinato un aumento della produzione di gioielli.

Anche il rimbalzo dei servizi sanitari che necessitano di argento, come ad esempio i raggi X, ha contribuito all'aumento dei prezzi di questo metallo, grazie alla crescita della domanda successiva ai lockdown per il COVID.

Una ricerca pubblicata dall'Università del Nuovo Galles del Sud suggerisce che i produttori di energia solare avranno bisogno del 20% di tutta l'attuale fornitura di argento da qui al 2027, e dell'85-95% dell'intera offerta di argento entro il 2050. Questo, insieme all'uso dell'argento nel fotovoltaico e nei veicoli elettrici, potrebbe far lievitare la domanda del metallo nei prossimi anni.

Comprendere il calo dei prezzi: perché l'argento è sceso?

Secondo un rapporto della London Bullion Market Association, i prezzi dell'argento sono diminuiti nella seconda metà del 2022 perché l'offerta generata dalle attività estrattive si è ripresa più velocemente rispetto alla domanda da parte delle industrie. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che le restrizioni legate al COVID sono state revocate prima in Perù e in Messico, due importanti produttori minerari di argento, rispetto a Paesi come gli Stati Uniti e la Cina, dove l'argento è molto richiesto dal settore manifatturiero.

Forze economiche e di mercato

L'argento è un elemento dell'economia e del mercato più ampi, e alcuni fattori correlati influiscono in modo significativo sul suo prezzo. Eppure, sebbene queste forze economiche e di mercato abbiano un effetto, nessuna nello specifico è un fattore predittivo affidabile di ciò che accadrà effettivamente ai mercati dell'argento. Devono essere utilizzati congiuntamente, e in combinazione coi fattori della domanda e dell'offerta, per capire quali potrebbero essere gli andamenti dell'argento.

Inflazione

Storicamente, l'argento è stato considerato un "bene rifugio" insieme all'oro. Di conseguenza, il prezzo dell'argento era solito aumentare quando l'inflazione cresceva perché, mentre le valute si svalutavano a causa dell'elevata inflazione, oro e argento erano beni considerati in grado di mantenere il proprio valore. Tuttavia, sebbene si tratti di una tendenza generale osservata storicamente, non sempre le cose vanno in questo modo.

Tassi d'interesse

Mentre le valute sono asset che generano interessi, e sono perciò in grado di aumentare di valore quando i tassi d'interesse sono elevati, l'argento, al pari dell'oro, è un bene infruttifero. Di conseguenza, quando i tassi d'interesse sono elevati, i trader spesso scelgono di spostare la propria attenzione dall'argento alle attività fruttifere, determinando così una diminuzione del valore dell'argento a causa della contrazione della domanda.

Crescita economica e crisi

I periodi di crescita economica e di crisi influiscono sul prezzo dell'argento. I fattori di domanda e offerta illustrano come l'aumento della crescita economica possa spingere la domanda del mercato, determinando una potenziale crescita dei prezzi dell'argento.

Tuttavia, osservando le tendenze storiche, emerge che i prezzi dell'argento hanno di solito avuto un rapporto di correlazione inversa con la crescita economica. Quando il PIL cresce, i prezzi dell'argento tendono a scendere. Quando la crescita è debole, i prezzi dell'argento tendono invece a salire.

Dal 1973 si sono verificate quattro grandi recessioni e, durante tre di esse, i prezzi dell'argento sono aumentati durante o alla fine della recessione. Ma esistono eccezioni significative. Ad esempio, nel 2010, l'economia globale era in forte espansione, ma anche i prezzi dell'argento erano aumentati a causa della domanda elevata.

Speculazioni di mercato

Benché i trader generalmente reagiscano a ciò che avviene sul mercato, anche le azioni che decidono di compiere possono a loro volta influenzare il mercato. Se un numero sufficiente di persone concorda su ciò che il mercato dovrebbe fare, e conduce operazioni di trading con questo obiettivo, è in grado di spingere il mercato nella direzione voluta. Sebbene gli effetti delle speculazioni di mercato siano generalmente su piccola scala e temporanei, in alcuni casi possono avere conseguenze durature e di rilievo.

Un significativo esempio storico di speculazione di mercato, che ha profondamente turbato il mercato dell'argento, si è verificato nel 1974 negli Stati Uniti. All'epoca i fratelli Hunt, eredi di un cospicuo patrimonio petrolifero, avevano previsto che l'elevata inflazione avrebbe fatto salire i prezzi dell'argento, dal momento che gli investitori cercavano beni rifugio in una fase di svalutazione monetaria.

Di conseguenza, iniziarono ad acquistare argento fisico e sotto forma di futures per avere il monopolio del mercato. Al termine della campagna di acquisto su larga scala condotta dai fratelli, il prezzo dell'argento era aumentato in modo significativo; i due detenevano inoltre un patrimonio intorno ai 4,5 miliardi di dollari, corrispondente a circa due terzi del mercato.

A quel punto, il governo degli Stati Uniti iniziò a preoccuparsi per il fatto che dei privati stessero manipolando le riserve d'argento del Paese. Le autorità di regolamentazione introdussero così delle regole speciali per impedire nuovi contratti con posizione lunga o futures sull'argento. In questo modo, il governo indebolì la posizione dei fratelli e il prezzo dell'argento iniziò a scendere. Il governo fece inoltre in modo che gli Hunt non potessero accedere al credito per mantenere la loro posizione.

Il 27 marzo 1980, noto anche come "Silver Thursday" (giovedì dell'argento), il mercato crollò in risposta a queste azioni del governo. In seguito i fratelli Hunt furono convocati al Congresso, accusati di manipolazione del mercato e costretti alla bancarotta.

Come iniziare a fare trading sull'argento

Di fatto, il trading sull'argento richiede una comprensione a tutto tondo dei fattori fondamentali che ne determinano il valore di mercato. Questi fattori possono essere suddivisi, a grandi linee, in due categorie: dinamiche della domanda e dell'offerta, e forze economiche e di mercato più ampie.

Questi diversi aspetti convergono creando un quadro complesso. Considerarli congiuntamente è fondamentale per formulare previsioni informate sulle probabili traiettorie future dei prezzi dell'argento.

Quando ti avventuri nel trading di materie prime, incluso l'argento, prendi in considerazione un ventaglio di opzioni. Sebbene siano disponibili diversi metodi per iniziare a fare trading sull'argento, valuta i seguenti passaggi:

  1. Seleziona il tuo metodo di trading: inizia scegliendo un metodo di trading di materie prime in linea con la tua tolleranza al rischio e i tuoi obiettivi di investimento. Che si tratti di contratti futures, opzioni o contratti per differenza (CFD), ogni approccio ha i suoi esclusivi vantaggi.
  2. Acquisisci una buona comprensione del mercato delle materie prime: scopri le dinamiche della domanda e dell'offerta, le tendenze stagionali e i fattori che influenzano i prezzi. Una solida comprensione permette di prendere decisioni informate.
  3. Crea il tuo conto Plus500: se ti interessa fare trading di CFD sull'argento per acquisire un'esposizione ai prezzi di questo metallo prezioso, senza però possederlo fisicamente, scopri le possibilità che ti offre Plus500. Registrati, verifica il tuo conto e accedi a un'interfaccia intuitiva. I CFD sulle materie prime sono disponibili su Plus500, che offre la leva finanziaria sui CFD sull'argento e un servizio clienti 24 ore su 24.
  4. Sviluppa la tua strategia di trading: tieni in considerazione fattori come la gestione del rischio, i punti di ingresso e di uscita e il dimensionamento della posizione.

Scopri di più su questi passaggi consultando il nostro articolo completo "Come fare trading sulle materie prime coi CFD."

FAQ sui prezzi dell'argento

Come è possibile prevedere i movimenti di prezzo dell'argento?

I trader utilizzano diverse strategie di trading, combinate con una conoscenza dettagliata del mercato, per prevedere le oscillazioni dei prezzi dell'argento. Ad esempio, possono usare l'analisi tecnica per identificare le medie mobili in periodi diversi, così da individuare segnali che suggeriscono l'acquisto o la vendita.

In che modo il prezzo dell'oro influenza i prezzi dell'argento?

Il prezzo dell'argento segue spesso l'andamento di quello dell'oro sul mercato dei metalli preziosi, per via delle caratteristiche di investimento simili. Quando i prezzi dell'oro aumentano, quelli dell'argento tendono a replicarne la tendenza, dal momento che i trader considerano l'argento un'alternativa più economica all'oro.

Tuttavia l'argento tende a mostrare una volatilità superiore rispetto all'oro, essendo maggiormente influenzato dalla domanda industriale, quindi non segue in modo affidabile il prezzo dell'oro.

Serve aiuto?
Assistenza 24/7