Plus500 does not provide CFD services to residents of the United States. Visit our U.S. website at us.plus500.com.

Cosa muove il prezzo di Bitcoin?

Poiché il Bitcoin (BTCUSD) è considerata la Criptovaluta più popolare al mondo e i suoi effetti si estendono all'intero mercato delle criptovalute, può valere la pena tenere a mente i fattori che possono influire sui suoi prezzi.

Come funziona il Bitcoin?

Uno dei principali fattori alla base delle oscillazioni dei prezzi del Bitcoin è il fatto che non prevede una banca centrale che regola e influenza la sua valutazione in termini di prezzo. Al contrario, il Bitcoin funziona su una piattaforma decentralizzata in cui i minatori indipendenti offrono la loro potenza di calcolo per mantenere continuamente il ledger della blockchain.

Le banche centrali dispongono di vari strumenti come i tassi di interesse e le obbligazioni per aumentare o ridurre il'inflazione, le criptovalute come Ethereum (ETHUSD) e anche i Bitcoin sono valutati secondo il capriccio del mercato aperto.

Nonostante questi ostacoli, Bitcoin mantiene il suo valore utilizzando un sistema di protocolli, hard fork (cambiamenti radicali al protocollo della rete di blockchain), eventi di halving, e facendo affidamento su fattori esterni. Di tutti questi fattori, i trader Bitcoin CFD dovrebbero tenere conto prima di aprire una posizione.

Laptop con la schermata di trading Bitcoin sulla piattaforma Plus500.

Prezzi indicativi.

Che cosa influenza il prezzo di Bitcoin?

Un gran numero di fattori possono influenzare i prezzi del Bitcoin e proprio come altre criptovalute e strumenti di mercato, il Bitcoin può sperimentare instabilità e dipendere da molti fattori. Specifichiamo sotto cosa ne può influenzare i prezzi.

Disponiblità e concorrenza

Bitcoin viene estratto da individui che mantengono il sistema e sostengono i protocolli più aggiornati. I minatori verificano la legittimità delle transazioni di Bitcoin per mezzo dei loro computer. In cambio, per aggiungere blocchi al sistema, o per approvare le transazioni, gli vengono assegnati una certa quantità di Bitcoin per ogni blocco che elaborano. Questa ricompensa viene tagliata a metà ogni 210.000 blocchi che vengono aggiunti al sistema ed è una procedura nota come 'evento di halving'.

Nel 2009, i minatori hanno ricevuto 50 Bitcoin, nel 2013 25, nel 2018 12,5 e nel 2020 il numero si è ridotto a 6,25.

L'alto costo dell'estrazione tramite mining, attraverso le attrezzature, l'elettricità e la manutenzione richiede che la vendita di Bitcoin sia conveniente per il minatore. Se il valore del Bitcoin scende troppo in basso, il minatore può interromperne l'estrazione, o mantenere il suo Bitcoin fino a quando la valutazione non aumenta. Come aumenta la domanda, così può fare anche la valutazione della moneta.

Valutazione

I mercati sono composti da acquirenti e venditori. Idealmente, questo creerà un equilibrio in cui l'importo che qualcuno è disposto a pagare per qualcosa è abbastanza alto al punto che il venditore è disposto a separarsi dalla sua merce.

Avere più persone che vogliono acquistare Bitcoin di solito fa salire il prezzo. La domanda per la moneta è anche influenzata da quanti mercati, come PayPal, permettono agli utenti di utilizzare la moneta.

Casi di utilizzo

A differenza di Ether, che è destinato a essere utilizzato solo su piattaforme specifiche, Bitcoin è stato creato per essere utilizzato come forma alternativa di valuta. Questo significa che si affida ai singoli individui per apprezzarne il valore attraverso il trading o la possibilità di spenderlo, in modo che il suo valore possa continuare a crescere con la domanda del mercato.

Sentiment del trader

Alcune persone possono conservare Bitcoin con l'intenzione di usarlo per fare acquisti, in modo simile a come usiamo le valute fiat. Altri possono acquistare Bitcoin con l'intenzione di scambiarlo. Tenere la moneta fino a quando il valore non aumenta, quindi scambiarla in dollari, Euro, o qualsiasi altra valuta. Più una valuta viene scambiata, maggiore è il potenziale di speculazione e instabilità.

Possedere l'asset sottostante richiede al proprietario di mantenere la moneta, di pagare le spese di manutenzione e di trovare un acquirente quando è pronto a vendere. In alternativa, alcuni trader fanno trading di CFD per piazzare operazioni con leva finanziaria in cui possono aprire posizioni sia long che short sul prezzo del Bitcoin.

Fork & Gestione

L'hard fork, che indica un importante cambiamento di protocollo che tutti i validatori di rete devono seguire, crea il potenziale di volatilità dei prezzi. Ci sono momenti in cui alcuni minatori possono scegliere di non passare ai nuovi protocolli di governo a causa di un disaccordo con essi o per un altro motivo.

Quando ciò accade, tutti i minatori che si attengono a un vecchio protocollo non fanno più parte della rete Bitcoin. Le loro monete sono viste come una nuova moneta, influenzandone la disponibilità sul mercato. È così che è stato creato il Bitcoin Cash ABC (BABUSD).

Regolamentazioni sulle criptovalute

Bitcoin, come le altre criptovalute, non ha una banca centrale che ne regoli il valore. Questa è una caratteristica che a molti piace di più delle tecnologie a blockchain, ma che si presta anche a valutazioni imprevedibili. I trader dovrebbero essere consapevoli del fatto che, man mano che si creano maggiori possibilità d'utilizzo e si diffonde l'adozione di queste monete digitali, vi sono anche opportunità di alta volatilità insieme ai rischi.

Eventi economici

La volatilità del mercato azionario e le oscillazioni dei prezzi possono avere un impatto diretto sulle criptovalute, in quanto possono influenzare le catene di domanda e offerta del Bitcoin.

Sviluppi globali

I cambiamenti globali, che comprendono notizie ed eventi che vanno dagli eventi naturali agli sviluppi geopolitici, hanno la capacità di influire sui prezzi dei Bitcoin, a causa del loro effetto sul "sentiment" dei trader.

Quali sono stati i prezzi più alti e più bassi del Bitcoin tra il 2009 e il 2023?

Il prezzo più alto del Bitcoin è stato di 67.566,83 dollari l'8 novembre 2021 e il prezzo più basso è stato il suo prezzo di negoziazione iniziale, pari a 0,09 dollari nel luglio 2010.

Grafico dei prezzi del Bitcoin

Ecco un grafico storico dei prezzi che illustra le oscillazioni dei prezzi del Bitcoin dal 2009 al 2023.

2009

Quando fu lanciato ufficialmente, il 3 gennaio 2009, il Bitcoin aveva un prezzo di circa zero dollari, ovvero 0,00099 dollari. Pertanto, i trader che utilizzavano il forum BitcoinTalk comprarono il Bitcoin tramite PayPal (PYPL), pagando $5,02 per 5.050 Bitcoin.

2010-2013

Il 26 ottobre 2010, il Bitcoin aveva un prezzo di 0,3 dollari. Uno degli aneddoti più famosi di quell'anno, riguardante le criptovalute, fu il fatto che un proprietario di Bitcoin aveva acquistato due pizze pagandole 10.000 Bitcoin. Questo evento viene considerato il primo del suo genere, in quanto fu la prima volta che qualcuno aveva utilizzato una criptovaluta per acquistare prodotti del mondo reale.

Nel giugno 2011, il Bitcoin superò i 30 dollari, ma poi crollò chiudendo l'anno a circa 4,70 dollari. Nel 2012, si verificò un altro evento importante, il primo halving del Bitcoin, in seguito a cui il Bitcoin divenne più raro, chiudendo quell'anno a circa 13,50 dollari.

L'aumento del prezzo proseguì fino al 2013, quando un numero crescente di investitori venne attratto da questa moneta e fu installato il primo sportello bancomat di Bitcoin a Vancouver, che consentiva così lo scambio di Bitcoin con moneta legale (come il dollaro USA).

Di conseguenza, nel novembre 2013, il Bitcoin superò i 1.200 dollari, chiudendo l'anno a circa 805 dollari.

2016-2019

Nel 2016, il prezzo del Bitcoin raggiunse più di 900 dollari e nel 2017 1.000 dollari. Nel 2018-2019, il prezzo del Bitcoin è stato volatile poiché gli scambi e i prezzi erano aumentati dopo aver superato i 10.000 dollari, scendendo successivamente a circa $ 6.638,84 a metà dicembre.

2020

Nel 2020, notoriamente noto per la pandemia di COVID-19 e il conseguente crollo dei mercati, il Bitcoin registrò una maggiore volatilità, con un prezzo di 6.965,72 dollari all'inizio dell'anno; la volatilità fu alimentata dalle preoccupazioni degli investitori per l'economia globale sulla scia delle chiusure legate alla pandemia e per via delle conseguenti politiche governative.

Alla fine dell'anno, a dicembre, il Bitcoin aveva superato i 29.000 dollari, con un aumento di oltre il 400% in valore dall'inizio dell'anno.

2021-2023

Il Bitcoin iniziò il 2021 al rialzo; il 7 gennaio raggiunse un prezzo di oltre 40.000 dollari e a metà aprile raggiunse livelli record superando i 60.000 dollari anche grazie all' IPO di Coinbase (COIN), stabilendo un prezzo record di 68.789 dollari il 10 novembre.

Dopo aver toccato il massimo valore storico, nel 2022 il prezzo del Bitcoin ha iniziato a subire continui cali, che lo portarono sotto i 23.000 dollari il 13 giugno 2022.

Tuttavia, il Bitcoin è stato in grado di recuperare dai suoi minimi nel 2023, raggiungendo oltre 41.000 $ il 4 dicembre 2023, spinto dalla speranza di un taglio dei tassi da parte della Fed e dalla possibilità degli ETF legati alle criptovalute .

Grafico dei prezzi di Bitcoin.

*Soggetto alla disponibilità dell'operatore.

Serve aiuto?
Assistenza 24/7