Menu

Storia del Nasdaq 100

Il Nasdaq è un exchange per azioni e altri titoli, fondato dalla National Association of Securities Dealers (NASD).

Fondato l'8 febbraio 1971 come NASD, prima di diventare il Nasdaq nel 2006, è stato il primo ad abbandonare il trading tradizionale in cambio di un sistema digitalizzato. Per la prima volta, le aziende, i broker e i trader potevano scambiare rapidamente titoli e beni.

Questo sistema digitalizzato ha attirato grandi aziende tecnologiche come Microsoft, Oracle, Intel, Amazon e molte altre aziende che oggi sono nomi molto noti. Nel 1985, il Nasdaq 100 (US- Tech 100) fu lanciato come un indice delle più grandi 100 aziende scambiate sul Nasdaq.

Con la crescita del settore tecnologico negli anni '80 e '90, un gran numero di aziende tecnologiche si sono unite al Nasdaq composite, spingendo il suo valore da 1.000 punti nel 1995 a 4.500 punti nel marzo 2000. La fine degli anni '90 è stata l'epoca della "bolla dot-com", durante il quale un gran numero di nuove aziende ha raccolto denaro tramite IPO subendo poi un fallimento. Quando la bolla dot-com è scoppiata, l'indice ha perso l'80% del suo valore in due anni.

Da allora, il Nasdaq è cresciuto fino a operare in 25 mercati grazie alla sua tecnologia di trading all'avanguardia.

Fumetto  sul computer con la bandiera americana e pagina degli strumenti buy e sell sul Nasdaq.

Come vengono aggiunte le aziende al Nasdaq 100?

A differenza di altri indici che possono ammettono le singole aziende solo in base alla loro dimensione di capitalizzazione di mercato, il Nasdaq ha ulteriori requisiti che le aziende devono soddisfare prima di entrare nell'indice Nasdaq 100.

Oltre alla capitalizzazione di mercato, le aziende devono:

  • Essere quotate negli Stati Uniti come azioni comuni, azioni ordinarie, tracking stock, azioni di interesse economico, interessi di partnership limitati, o come American Depositary Receipt (ADR) se sono una società straniera, in modo simile a come Alibaba (BABA) è una società cinese ma quotata negli Stati Uniti.
  • Essere quotate esclusivamente al Nasdaq.
  • Essere idonee a essere scambiate negli Stati Uniti.
  • Avere un volume medio giornaliero di 200.000 azioni quotate sul mercato.
  • .
  • Mantenere queste 200.000 azioni disponibili per almeno 3 mesi.

Una volta soddisfatti tutti questi criteri, le aziende 1-75 (classificate per capitalizzazione di mercato) saranno automaticamente aggiunte all'indice. Le società rimanenti che sono già state elencate nell'indice riempiranno le posizioni 75-100. Se non ci sono abbastanza aziende per riempire le 100 posizioni, allora le aziende che erano precedentemente nell'indice ma sono state spostate alle posizioni 101-125 saranno considerate per riempire la posizione. Un esempio di questo potrebbe essere se soddisfano il requisito di capitalizzazione di mercato ma non soddisfano il requisito di volume medio giornaliero.

Il Nasdaq 100 ha dimostrato di essere un indice affidabile per 100 delle più grandi aziende non finanziarie scambiate oggi sul Nasdaq Stock Market. Con Plus500, aprendo una posizione CFD sull'US-Tech100, i trader possono ottenere un'esposizione a tutte queste 100 società top su un singolo strumento.

Serve aiuto?
Assistenza 24/7