Menu

Cos'è l'S&P 500?

L'indice Standard & Poor's 500, più comunemente conosciuto come S&P500 o semplicemente S&P, è un insieme delle 500 più grandi società quotate in borsa negli Stati Uniti, ponderate per la loro capitalizzazione di mercato. Ci sono in realtà 505 elenchi perché alcune delle società hanno più classi di azioni nella lista. Per esempio, Alphabet ha sia una classe A (GOOGL) che una classe C (GOOG) di azioni. L'indice è stato misurato in base alla capitalizzazione ponderata del flottante libero dal 2005. Questo significa che solo le azioni disponibili sul mercato pubblico sono incluse nelle quotazioni della capitalizzazione di mercato di ogni azienda. I componenti dell'indice sono quotati alla Borsa di New York o al NASDAQ, che opera dalle 9:30 alle 16:00 EST, tranne nei giorni festivi.

Le società dell'S&P 500 (USA 500) sono divise in 11 settori: Servizi di comunicazione, Beni di Consumo Discrezionali, Beni di consumo, Energia, Finanziari, Sanità, Industriali, Materiali, Immobili, Tecnologia e Servizi di Pubblica Utilità. Questo permette ai trader di seguire non solo l'indice nel suo complesso, ma anche la performance delle aziende all'interno degli stessi settori. Ciò fornisce un maggiore livello di diversificazione rispetto al trading di azioni di una singola società.

Cellulare con grafico S&P 500.

Prezzi illustrativi.

Chi è responsabile dell'S&P 500?

L'S&P 500 è gestito dalla S&P Dow Jones Indices, una joint venture tra S&P Global, una volta McGraw Hill Financial, News Corp. che possiede Dow Jones, e CME Group. Oltre a gestire l'indice S&P500, S&P Dow Jones Indices gestisce anche l'S&P 1500, l'S&P Global 1200 e l'S&P 100. L'indice è il primo indice globale se misurato in base alla capitalizzazione di mercato delle aziende che include.

Nel 1941, la Standard Statistics Company si fuse con la società Poor's Publishing per creare Standard & Poor's. L'S&P è stato esteso per la prima volta a 500 società nel 1957, anche se la Standard Statistics Company aveva sviluppato per la prima volta un indice di mercato azionario più piccolo nel 1923. Esistono fondi comuni di investimento disponibili per il trading basati sulla quotazione dal 1976.

Come viene calcolato l'S&P 500?

Quando si calcola l'indice S&P 500, prima vengono calcolate le capitalizzazioni di mercato a fluttuazione libera di ogni componente. Questo significa che le azioni pubblicamente disponibili per ogni azienda vengono moltiplicate per il valore dell'azione stessa per ottenere le capitalizzazioni di mercato delle aziende. Poi queste vengono sommate per creare la capitalizzazione di mercato dell'indice. Infine, il market cap di ogni azienda viene diviso per quello dell'indice per creare la media ponderata di ogni azienda. Maggiore è il peso della società, maggiore sarà il suo impatto sull'indice quando il suo prezzo si muove. Questo è simile a quanto accade per altri indici ponderati in base al valore di mercato come il FTSE 100 (UK 100) e il NASDAQ (US-TECH 100).

I valori dell'S&P 500 sono calcolati ogni 15 secondi dalla Ultronics Systems Corp. che esegue questo processo dal 1962. Per essere inclusa nell'indice, una società deve essere scambiata sul NYSE o sul NASDAQ. Tuttavia, a partire dal 2019, solo circa il 70% delle entrate di ciascuna delle aziende proviene in media da operazioni statunitensi. Al 4 marzo 2021, le prime 10 aziende della lista rappresentano circa il 27% della capitalizzazione di mercato dell'indice.

L'S&P 500 può essere scambiato come uno strumento?

L'S&P 500 può essere scambiato come un fondo comune o un ETF composto da azioni o futures. Può anche essere usato come asset sottostante per il trading con CFD. Con il trading con i CFD, invece di acquistare direttamente le azioni composte o i futures, si apre una posizione di acquisto se si ritiene che il valore dell'indice salirà, oppure si apre una posizione di vendita se si ritiene che il prezzo dell'indice scenderà.

I trader possono anche usare i CFD sulle opzioni* per speculare sull'S&P 500, piazzando ordini di acquisto e vendita su ordini Put e Call sul CFD sulle opzioni. Un ordine di vendita su un'opzione Put CFD viene piazzato se il trader ritiene che il valore dell'indice raggiungerà o supererà un prezzo target o "strike" entro un periodo di tempo predeterminato. Un ordine di vendita su un'opzione Call CFD viene piazzato se il trader ritiene che l'indice sarà scambiato al di sotto del prezzo di esercizio alla scadenza dell'opzione.

*Disponibilità degli strumenti soggetti a regolamentazione.

Serve aiuto?
Assistenza 24/7