Plus500 does not provide CFD services to residents of the United States. Visit our U.S. website at us.plus500.com.

Quali fattori influenzano i prezzi dei CFD sulle opzioni?

Data di modifica: 26/07/2023

I prezzi dei CFD sulle opzioni si basano sul prezzo delle opzioni scambiate sul mercato. Per capire come i prezzi dei CFD sulle opzioni siano derivati sulla piattaforma Plus500, dobbiamo indagare sul prezzo delle opzioni tradizionali e sui fattori che possono influenzarlo.

Come vengono prezzate le opzioni?

Il valore delle Opzioni nel mercato tradizionale dipende da variabili quali il prezzo dell'asset sottostante, lo strike price, la volatilità e la data di scadenza. I trader possono quindi analizzare queste variabili ed eseguire la loro analisi utilizzando strategie di trading con l'obiettivo di massimizzare i profitti.

I CFD sulle Opzioni derivano direttamente dall'asset sottostante, compreso il prezzo di mercato dell'asset e lo strike price. Sono inoltre influenzati dagli stessi movimenti di mercato delle Opzioni tradizionali. Nel trading con i CFD su Opzioni, l'obiettivo principale è quello di speculare sul prezzo dell'asset sottostante e decidere se il prezzo salirà o scenderà prima della data di scadenza. In seguito il trader ha l'"opzione" di chiudere la posizione in modo da ottenere un profitto o una perdita (a seconda del movimento del mercato sottostante).

Uno schema sulle Opzioni e i termini relativi

Cosa influenza il valore di un'opzione

Ecco un'analisi di come può essere influenzato il valore di un'opzione:

Il prezzo dell'asset sottostante: I CFD sulle opzioni seguono i movimenti del mercato dell'opzione sottostante. I movimenti di mercato riflettono in gran parte l'offerta e la domanda dell'asset sottostante. Questo a sua volta influenza il comportamento di un'opzione call o put. Quando il prezzo dell'asset sottostante sale, le Opzioni Call tendono solitamente ad aumentare di valore. Ciò significa che gli acquirenti di CFD su Opzioni Call potrebbero beneficiare del prezzo in aumento dello strumento sottostante, tuttavia, potrebbero anche subire una perdita qualora il prezzo scendesse. Mentre, le Opzioni Put di solito tendono a diminuire di valore quando il prezzo dell'asset sottostante sale, quindi, gli acquirenti di Opzioni Put possono beneficiare di un prezzo di mercato in calo.

Tuttavia, se la speculazione non è corretta e il prezzo dell'azione si muove nella direzione opposta, l'opzione potrebbe perdere valore e la posizione si chiuderà in perdita.

Strike Price: Nel determinare il valore di un'Opzione, lo Strike Price è probabilmente la variabile più importante. Lo Strike Price è il prezzo che l'asset sottostante deve raggiungere prima della scadenza dell'Opzione. Gli strike price sono predeterminati e vengono fissati prima dell'inizio del contratto. Il prezzo tra l'asset sottostante e lo Strike Price è ciò che determina il valore dell'Opzione. I CFD sulle Opzioni sono disponibili anche su una varietà di Strike Price, ma non possono essere esercitati.

Volatilità: L'effetto della volatilità sul prezzo di un'Opzione si basa su una misura chiamata Volatilità Storica (nota anche come Volatilità Statistica). Come suggerisce il nome, essa esamina i movimenti di prezzo passati dell'asset sottostante in un certo periodo di tempo. I trader esperti utilizzeranno i modelli di prezzo delle opzioni per stimare la volatilità futura durante questo periodo di tempo. Per comprendere questo concetto, un trader può lavorare sul modello di determinazione del prezzo a ritroso ed esaminare tutte le altre variabili per calcolare la sua previsione. Nel mercato tradizionale, queste includono il calcolo dei tassi di interesse, dei dividendi e del valore temporale. Quando si verifica la volatilità, le opzioni tendono ad avere un valore maggiore. I prezzi dei CFD sulle opzioni reagiscono quando l'asset sottostante subisce la volatilità. Questo può causare una maggiore fluttuazione del prezzo dei CFD sulle opzioni rispetto all'asset sottostante.

La volatilità implicita è una misura chiave che permette ai trader di speculare su quale potrebbe essere la volatilità futura. I trader osservano la probabilità di futuri cambiamenti di prezzo esaminando il comportamento della volatilità dell'asset sottostante nell'attuale periodo di tempo. La volatilità storica misura i cambiamenti di mercato del passato.

Valore Temporale: Il valore temporale ha due variabili (questo supponendo che non ci siano state modifiche al prezzo dell'asset sottostante e ai livelli di volatilità): (1) il tempo fino alla scadenza e (2) la vicinanza dello strike price al prezzo dello strumento sottostante. Più è lontano il momento della scadenza, più tempo hai il mercato per realizzare lo strike price; il valore temporale può essere diverso a seconda della vicinanza dello strike price all'asset sottostante.

Il calo del valore misura il tasso di diminuzione del valore di un'Opzione all'approssimarsi della scadenza. Ciò è dovuto alla minore disponibilità di tempo per realizzare un profitto. Nell'ultimo mese prima della scadenza, questo valore aumenterà.

Conclusioni finali

Ci sono diversi fattori che influenzano il prezzo di un'Opzione. Nel mercato tradizionale, le variabili principali includono il prezzo dell'asset sottostante, lo strike price, la volatilità e la durata fino alla scadenza. Nel mercato dei CFD, i CFD su Opzioni sono derivati dall'asset sottostante, ad eccezione del fatto che il trader non ha il diritto di esercitare l'Opzione. Invece, il trader può ottenere un profitto o una perdita dalla differenza tra il prezzo di apertura e di chiusura di una posizione. Vale la pena considerare tutte queste variabili quando si decide di aprire una posizione in CFD su Opzioni.


Ottieni di più da Plus500

Amplia le tue conoscenze

Approfondisci le tue conoscenze attraverso video, articoli e guide informative con la nostra esauriente Trading Academy.

Esplora la nostra +Insights

Scopri cosa fa tendenza dentro e fuori Plus500.

Prepara le tue operazioni

Il nostro calendario economico ti aiuta a esplorare gli eventi di mercato globali.

FAQ sulla categoria Opzioni

Quando fai trading di opzioni, speculi sul prezzo futuro (prezzo base) di uno strumento sottostante, come un titolo, indice o materia prima. Plus500 offre due tipi di CFD su opzioni: opzione Call e opzione Put - puoi acquistare o vendere entrambi i tipi. Se entri in una posizione su un'opzione Call/Put, fondamentalmente stipuli un contratto sul prezzo che uno strumento sottostante raggiungerà (o supererà) alla data di scadenza.

Put – Un acquirente / venditore di un'“Opzione Put” prevede che il prezzo dello strumento sottostante scenderà / salirà.

Call – Un acquirente / venditore di un'“Opzione Call" prevede che il il prezzo dello strumento sottostante salirà / scenderà.

Per esempio, questa è un'analisi dettagliata di un'opzione su un titolo di Meta:

Call 125 | Nov | Meta

  • Call – Il tipo di opzione (può essere Call o Put).
  • 125 – Il prezzo base, cioè il prezzo che prevedi che lo strumento sottostante supererà alla data di scadenza.
  • NOV (Novembre 2018) – La data di scadenza dell'opzione.

Nel trading di CFD, una forma popolare di day trading, il tuo profitto (o perdita) è determinato con riferimento al movimento del prezzo di un'opzione. Non compri o vendi l'opzione stessa.

Plus500 offre una gamma di CFD su opzioni Call/Put. Per un elenco delle opzioni disponibili, clicca qui.

Inoltre, per saperne di più sui CFD su opzioni, consulta il nostro articolo su "Che cos'è il trading di CFD su opzioni".

Fare trading su opzioni ha alcuni importanti vantaggi:
Puoi sperimentare un'instabilità superiore – i cambi percentuali delle opzioni tendono a essere molto più significativi, e questo significa che possono potenzialmente causare guadagni superiori (insieme a rischi superiori).

È possibile aprire posizioni di dimensioni maggiori con un margine iniziale inferiore poichè i prezzi delle opzioni sono notevolmente inferiori rispetto ai loro strumenti sottostanti. Per esempio, Alphabet (GOOG) è considerato da alcuni trader un titolo costoso, mentre il prezzo di un'opzione di Alphabet può spesso essere molto più abbordabile - e questo significa che puoi acquistare più unità per lo stesso importo di capitale iniziale.

Puoi diversificare le tue posizioni facendo trading su diversi prezzi di base. Un prezzo di base è definito come il tasso che lo strumento sottostante deve raggiungere entro la data di scadenza affinchè l'operazione di trading causi un profitto. Offriamo più CFD su opzioni Put/Call per ogni strumento sottostante.

Plus500 offre solo trading in CFD su opzioni. Questi CFD su opzioni ti danno un'esposizione a cambi nei prezzi dell'opzione, sono pagati in contanti e non possono essere esercitati da o contro di te, o causare la consegna del titolo sottostante. Di conseguenza, quando il CFD su opzione raggiunge la sua data di scadenza, la posizione viene chiusa.

I CFD su opzione di Plus500 ti consentono di ampliare la tua esposizione sul mercato senza bisogno di un importo di capitale superiore. Con una leva fino a 1:5, per ogni $1.000 che depositi puoi fare trading con un valore di opzioni fino a $5.000. Di conseguenza, tutti i profitti o le perdite saranno moltiplicati.

Per esempio, supponiamo che il prezzo del titolo di Apple sia $200, mentre il prezzo attuale del CFD su opzione Call di $250 (Call 250 | Nov | Apple) sia $12 per opzione. Con $120, puoi aprire una posizione di trading su 10 opzioni, per un valore di $600:

(10 Opzioni x prezzo di opzione di $12) x Leva di 5 = (10 x 12) x 5 = 600.

Ogni opzione ha una data di scadenza predefinita. Generalmente è impostata a un mese in avanti. A differenza delle opzioni normali negoziate sul mercato, la data di scadenza di CFD su opzioni è impostata alcuni giorni prima delle opzioni sottostanti. Questo è dovuto all'attività di trading estremamente bassa sul contratto relativo in questo momento.

Alla data di scadenza, l'ultimo prezzo del CFD su opzione è basato sull'ultimo tasso disponibile (e non zero).

I fattori principali che determinano il prezzo di un'opzione comprendono: (a) il prezzo attuale dello strumento sottostante, (b) il livello di instabilità sul mercato, (c) la data di scadenza e (d) il valore intrinseco dell'opzione, definito come il valore che un'opzione avrebbe se fosse realizzata al momento attuale.

Inoltre, i prezzi di un'opzione sono pesantemente influenzati dalla loro domanda e offerta sul mercato.

I prezzi di CFD su opzioni sono riferiti ai movimenti di prezzo delle opzioni. Quando i mercati finanziari subiscono un'alta instabilità, il cambio percentuale dei CFD su opzione tende a muoversi in modo più significativo rispetto al titolo o indice sottostante, a causa dell'aumento dell'instabilità implicata.

Esempio 1: Alphabet (GOOG) è negoziato a $1.000, e tu acqusti un CFD su opzione Call di $1.100 per un mese da adesso a $70. Due settimane dopo, il prezzo di Alphabet sale a $1.050, e il prezzo del CFD sull'opzione èadesso $90. In questo caso, il tuo profitto potenziale è 90-70 = $20 per CFD su opzione. Questo equivale a una resa del 28% (20/70 = 0.28), che è molto superiore che se avessi comprato un'azione di Alphabet a $1.000, e avuto un profitto del 5% (50/1000 = 0.05).

Esempio 2: Alphabet (GOOG) è negoziato a $1.000, e tu acqusti un CFD su opzione Call di $1.100 per un mese da adesso a $70. Due settimane dopo, il prezzo di Alphabet scende a $950, e il prezzo del CFD su opzione è adesso $50. In questo caso, la tua perdita potenziale è 50-70 = -$20 per CFD su opzione, equivalente a un cambiamento del 28% del prezzo (20/70 = 0.28), mentre se avessi acquistato un'azione di Alphabet a $1000, avresti perso il 5% (50/1000 = 0.05).

Serve aiuto?
Assistenza 24/7